Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dichiarazioni sostitutive

 

Dichiarazioni sostitutive

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL’ATTO DI NOTORIETA’

Tutti gli stati, fatti e qualità personali che non siano presenti nel registro pubblico italiano, cioe’ che non sono autocertificabili (si veda l’elenco delle informazioni autocertificabili sotto la voce “Autocertificazione”), ma che siano comunque di diretta conoscenza del dichiarante possono essere certificati mediante dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà ai sensi dell’art.47 del DPR 445/2000.

La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà può riguardare anche circostanze relative ad altri soggetti, di cui il dichiarante abbia diretta conoscenza, nonché la possibilità di attestare la conformità all’originale di una pubblicazione.

La dichiarazione sostitutiva di atti notori può essere fatta dichiarando fatti, stati o qualità personali a diretta conoscenza dell’interessato dinanzi al funzionario consolare, o se in Italia, dinanzi a un notaio, cancelliere, segretario comunale o altro funzionario incaricato dal sindaco . Qualora si tratti di stati, fatti e qualità personali certificabili o attestabili da parte di un altro soggetto pubblico e l’amministrazione ritenga necessario controllare la veridicità delle dichiarazioni, ha a disposizione 15 giorni di tempo dalle dichiarazioni per richiedere la necessaria documentazione.

Validità delle dichiarazioni sostitutive di normali certificazioni e di atti notori:

  • le dichiarazioni sostitutive hanno la stessa validità degli atti che sostituiscono;
  • normalmente i certificati hanno validità per sei mesi dalla data in cui sono stati rilasciati, salvo che norme di legge o regolamentari non dispongano una validità superiore;
  • la validità delle certificazioni anagrafiche e quelle relative allo stato civile è prolungabile se l’interessato dichiara che i dati contenuti nel certificato non hanno subito modifiche e sottoscrive tale dichiarazione;
  • hanno validità illimitata, invece, i certificati e le dichiarazioni sostitutive che attestano stati e fatti personali che non sono soggetti a modificazioni (certificati di nascita, di morte, titoli di studio, ecc.).

La dichiarazione sostitutiva puo’ essere utilizzata nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e con i concessionari e i gestori di pubblici servizi.

La dichiarazione sostitutiva non puo’ essere utilizzata nei rapporti tra i privati, salvo che gli stessi non vi acconsentano, e davanti all’autorità giudiziaria nello svolgimento di funzioni giurisdizionali.

 


36